Privy marchi sono di particolare interesse numismatico (def: collezionisti di monete o studenti di denaro e di scambio), ma se il vostro stash di metalli preziosi si espande nel regno di moneta, è un soggetto degno di questo a leggere Goldbroker.com.

in Primo luogo, è importante capire il marchio di zecca. Questa è l’incisione della zecca su una moneta di un simbolo, di solito una lettera, per indicare la zecca in cui il prodotto è stato fabbricato. In America, cioè D per Denver, P per Philadelphia, S per San Francisco e W per la zecca di West Point. Tutte le monete, tuttavia, non recano un marchio di zecca; infatti, la maggior parte delle monete della Zecca di Philadelphia non lo fanno.

Il privy mark va oltre questo descrittore di posizione per la natura unica della moneta stessa — la sua coniazione. Ciò significa che la stessa zecca produrrà monete con marchi privati diversi e speciali. La pratica non è affatto comune negli Stati Uniti, ma è una procedura standard in molti altri paesi (in particolare Canada e Australia) come un modo per aumentare i valori di design e marketing, e l’interesse del collezionista … e, quindi, il valore monetario.

I marchi privati di solito lasciano il metodo a lettera singola per l’uso di un simbolo attraente come un animale o altro significato significativo. La Royal Canadian Mint (RCM) è particolarmente abile in questa tecnica con la sua moneta Silver Maple Leaf (SML). Diamo un’occhiata più da vicino a un esempio interessante.

RCM presentava un carro armato Mark V come marchio privato su una foglia d’acero d’argento come parte delle sue commemorazioni del 100 ° anniversario della prima guerra mondiale.Questo fu il primo carro pesante britannico a richiedere un solo uomo per guidarlo, liberando i gearsmen per sparare armi. 11 carri armati Mark V sopravvivono, tra cui il numero 9591 che è stato impiegato dalla compagnia A del 301 ° battaglione di carri pesanti degli Stati Uniti nell’attacco alla linea Hindenburg il 27 settembre 1918 quando è stato colpito da un guscio da due pollici. È stato riparato e inviato negli Stati Uniti, dove è ora nella collezione del National Armor and Cavalry Museum di Fort Benning, in Georgia.

Tutta questa storia è raccontata nel segno privato di una moneta d’argento, in modo da poter capire il suo valore per un collezionista o un individuo con interesse personale o storico. Per un rivenditore di monete, l’oggetto rappresenta probabilmente il prezzo standard, in base al suo contenuto di metalli preziosi. All’asta, l’ask probabilmente sale con il limite del suo conio e dei sentimenti legati alla storia sopra descritta.

Il premio aggiuntivo associato a una moneta con un marchio privato vale la pena? Questo dipende interamente da te, ma i marchi privati sono dotati di una sorta di simbolismo e possono indicare l’unicità di un conio specifico.