Se qualcuno presenta una petizione di liquidazione contro la tua azienda, le banche normalmente congelano il conto bancario della società non appena la petizione viene pubblicizzata nella Gazzetta.

Questo per proteggersi contro la legislazione indicata nella legge sull’insolvenza, Sezione 127 che stabilisce che qualsiasi disposizione della proprietà della società dopo l’inizio della liquidazione è nulla.

Quando ciò accade, è necessario un ordine di convalida da parte dei tribunali per accedere all’account.

Se hai ricevuto una petizione di liquidazione contro la società, un ordine di convalida può aiutare a migliorare la posizione della società.

La consulenza confidenziale è a portata di click
La nostra missione è aiutare gli amministratori aziendali a trovare le migliori soluzioni possibili all’insolvenza. Se si desidera consulenza gratuita, o assistenza con una procedura di insolvenza formale, prendere contatto chiamando 0208 444 3400 o provare la chat dal vivo durante l’orario di lavoro.

Ordini di convalida

Come ottenere un ordine di convalida

Se è necessario richiedere un ordine di convalida, la prima fase del processo è informare la persona o la società che ha presentato la petizione di liquidazione contro la società. Questa notifica deve contenere dettagli sul tribunale a cui si sta inviando la domanda e quando si prevede di presentare la domanda.

Domanda ai tribunali

La seconda fase consiste nel presentare la domanda ai tribunali. Ci sono due parti della domanda: Modulo 7.1 A e la dichiarazione del testimone. Entrambi devono essere depositati presso i tribunali, insieme alla tassa richiesta (attualmente £155).

L’udienza

Dopo aver presentato la domanda, i tribunali assegneranno una data e un’ora per un’udienza. Questa udienza si riferisce solo all’ordine di convalida, non alla petizione di liquidazione nel suo complesso.

L’udienza (insieme alla dichiarazione del testimone che hai depositato) è la tua occasione per essere in grado di presentare il tuo caso ai tribunali per il motivo per cui il conto bancario della società dovrebbe essere sbloccato. È necessario disporre di informazioni sulle circostanze che hanno contribuito alla richiesta di liquidazione, sulla posizione finanziaria della società e sul motivo per cui i tribunali dovrebbero concedere l’ordine di convalida. Normalmente vorranno vedere che la concessione dell’ordine sarà vantaggioso per i creditori della società nel complesso.

Se la persona che ha presentato la petizione di liquidazione si oppone allo sblocco dei conti della società, dovrà partecipare all’udienza e presentare il proprio caso ai tribunali sul motivo per cui la domanda non dovrebbe essere concessa.

I tribunali prenderanno una decisione alla fine dell’udienza o esporranno ulteriori informazioni di cui hanno bisogno per prendere la loro decisione – è probabile che dovrai presentare queste informazioni in un’udienza di follow-up.

La decisione di sbloccare i conti bancari

Se i tribunali fanno l’ordine di convalida, riceverai una copia o l’ordine. È necessario presentare questo alla banca per consentire il conto bancario per essere scongelato.

Se i tribunali non concedono l’ordine, è possibile che tu possa impugnare la decisione. Questa è una posizione difficile in quanto l’udienza per la petizione di liquidazione è probabile che sia abbastanza presto e il tempo è essenziale.

Cosa coprirà l’ordine di convalida?

È importante capire che gli ordini di convalida molto raramente sbloccheranno i conti dell’azienda senza alcuna restrizione. È improbabile che la società sia in grado di operare liberamente – piuttosto l’ordine specificherà che la società può intraprendere determinate transazioni che saranno vantaggiose per i suoi creditori.

Vuoi parlare?

Se una petizione di liquidazione è stata notificata alla tua azienda, la società si trova in una posizione molto seria e il tempo è essenziale. Siamo felici di aiutarvi con questo processo, o per consigliare in situazioni in cui un ordine di convalida può essere un’opzione appropriata-basta chiamare Simon Renshaw su 0208 444 3400 o e-mail [email protected]

Scritto da Simon Renshaw